LACTO-OVO VEGETARIAN

La vera dieta vegetariana
normale, completa
sana, naturale
preventiva
senza carenze
senza ipocrisie
senza fanatismo
secondo la Tradizione
e la Scienza più moderna

19 maggio 2009

Ma nella nostra dieta ci sarà abbastanza selenio o no?

Le noci del Brasile sono ricchissime di selenio. Ma ne sono dotati molti alimenti, per niente esotici, che si consumano ogni giorno in grande quantità. Non c'è, quindi, nessun bisogno di ricorrere a pesce o carne, a "patate arricchite" o integratori a rischio. E comunque, anche una dieta vegetariana a base di cereali integrali, verdure, noci, latticini e uova, è sufficientemente dotata di selenio. Che dipende, attenzione, molto dal terreno sul quale è stata coltivata la pianta.

Tutto è iniziato dalla domanda di una lettrice: "Che ne pensi delle tanto pubblicizzate patate al selenio?"
.
"Salve, una domanda specifica da una assidua lettrice del suo blog: cosa ne pensa delle patate pubblicizzate come “ricche di selenio”? Il 'Consorzio delle buone idee' la arricchisce al selenio, a quanto ho capito spruzzandolo sulle foglie. Il selenio è certamente un oligoelemento essenziale, ma in dosi eccessive può essere tossico, e di certo è contenuto in molti altri cibi. Non è un'esagerazione mangiare una patata 'arricchita'? E poi, è assimilabile ugualmente anche se aggiunto artificialmente? La sponsorizzano come un'idea geniale. Scrivo per un giornale territoriale del municipio XI di Roma, "Core", e vorrei fare un breve articolo in cui affronto quest'argomento. mi piacerebbe ascoltare la sua opinione in proposito. Cordiali saluti e ringraziamenti.
Saba Camilletti"

Tabelle serie e credibili di composizione di alimenti ricchi di selenio sono rare. Le poche esistenti mettono in evidenza per lo più alimenti animali. E ci sarà pure un motivo. Nell’articolo generale sul blog Alimentazione Naturale, che vi consiglio di leggere preliminarmente, perché sul selenio non posso ripetere qui i medesimi concetti, ho inserito una mia nuova nuova tabella delle fonti di selenio creata appositamente sulla base dei dati Inran, ente molto attento agli alimenti italiani, il che è importante per il selenio – che com’è noto dipende anche e soprattutto dal tipo di terreno – ma assai poco attento ai cibi integrali e alle esigenze di naturisti e vegetariani.

Qui, invece, pubblico una mia originale tabella del selenio per i vegetariani, anche questa fatta per l’occasione, ma sulla base dei dati dell’USDA, il Ministero dell’Agricoltura degli Stati Uniti, che tiene conto delle porzioni reali e anche un poco dei cibi dei vegetariani.

Selenio nella dieta vegetariana per porzioni (USDA)

La sorpresa per molti sarà di vedere una noce sola al comando anche nella classifica del selenio.

Leggetevi, ripeto, l’articolo su Alimentazione Naturale, e confrontate tra loro le due tabelle: avrete un quadro completo. Se un semplice piatto di pasta integrale cotta e non ancora condita dà 36 μg di selenio dei 55 μg consigliati per tutti gli alimenti della giornata, possiamo stare davvero tranquilli.

Di norma, perciò, nessun problema di carenza di selenio per chi pratica in modo intelligente, vario e completo l’alimentazione vegetariana. A meno che, in altre parole, non metta in atto una dieta dimagrante, o sia anziano o affetto da pigrizia o depressione, o abbia tendenze verso l’anoressia.

Etichette: , ,

11 Commenti:

Anonymous ivana ha detto...

Grazie infinite, un articolo utilissimo! Baci.

19 maggio 2009 13:38  
Anonymous Signora di Bergamo ha detto...

Oh, bene, era ora di finirla con sta pubblicità della patata costosa e chic al selenio!

19 maggio 2009 13:45  
Anonymous Anonimo ha detto...

quindi qual è la quantità consigliata di noci brasiliane al giorno?

20 maggio 2009 16:44  
Blogger Nico Valerio ha detto...

Lo sapevo che mettendo al primo posto le noci brasiliane avrei spinto qualcuno a consumarle. Ma l'articolo dice che una dieta normale ha già il selenio sufficiente.
Comunque se tu fossi così matto da ingurgitare un etto di noci brasiliane, avresti la mostruosa quantità di 1917 μg di selenio in una volta sola. Sicuramente inutile, perché ne serve poco e sempre, non tanto e una volta sola.
Tu sai che peso hai e che fabbisogno quotidiano devi avere.
Le noci brasiliane hanno il 66% di grassi (energia: 656Kcal/100g), quindi calcola tu con buonsenso. Come selenio ne basterebbe anche 1 sola, o mezza, o nessuna... visto che l'intera dieta già lo contiene.
Se ne mangi diverse riduci al minimo o elimini l'olio di condimento...

20 maggio 2009 17:27  
Anonymous Anonimo ha detto...

in verità le mangio da alcuni mesi con moderazione, non mi è mai venuta in mente l'idea di consumarne quantità industriali(solo due insieme a noci,mandorle e nocciole all'interno del muesli quotidiano) purtroppo sarò costretto a ridurre le porzioni ad una soltanto od a giorni alternati.
la ringrazio per la pronta ed esauriente risposta e se non le dispiace vorrei farle un ulteriore domanda: le noci brasiliane sono dannose per i cani?
Le auguro una buona serata.
un lacto-ovo-vegetariano

20 maggio 2009 18:29  
Blogger Nico Valerio ha detto...

Ma no, Anonimo, come le dicevo lei solo sa qual è il suo peso e l'equilibrio tra introito e spesa energetica (esercizio). Se si trova bene così, senza ingrassare, continui pure. Anzi può mangiarne anche di più, entro le calorie totali e nel limite del 30-max35% di lipidi rispetto alle calorie totali che vanno bene per lei. Ed è fortunato: oggi la scienza della nutrizione è più di manica larga coi grassi vegetali protettivi, e più severa con pane, paste e zuccheri.

20 maggio 2009 21:15  
Anonymous Anonimo ha detto...

molto intiresno, grazie

6 novembre 2009 05:13  
Anonymous Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)

12 novembre 2009 13:07  
Anonymous Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie

12 novembre 2009 14:02  
Anonymous Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good

29 novembre 2009 19:30  
Anonymous Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie

29 novembre 2009 19:31  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page

Creative Commons License
Il blog "Love-Lacto-Ovo-Vegetarian" di Nico Valerio è protetto da licenza
Creative Commons, Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia
.
E' vietata la riproduzione senza riportare il nome dell Autore, il titolo del blog e il link del blog.
E' vietata ogni modifica del testo, ogni utilizzazione per fini commerciali o per avvalorare tesi contrarie a quelle del blog
Love-lacto-ovo-vegetarian.blogspot.com